Infiammazione smascherata: da alleato della guarigione a colpevole di malattie croniche
Cart
Checkout Secure

Coupon Code: FT68LD435 Copy Code

Svelare l'infiammazione: protettore diventato colpevole di malattia cronica

By Max Cerquetti marzo 25, 2024

01. Approfondimento sull'infiammazione e sul sistema immunitario

Introduzione e panoramica

L'infiammazione è una risposta fondamentale del sistema immunitario del corpo per proteggersi dai danni, come infezioni, lesioni e tossine, avviando il processo di guarigione. Sebbene sia generalmente utile in situazioni acute, quando l’infiammazione diventa cronica, può portare a gravi conseguenze sulla salute, contribuendo a una serie di malattie, tra cui malattie cardiache, diabete e cancro. Comprendere la duplice natura dell’infiammazione – il suo ruolo sia nel proteggere che nel potenzialmente danneggiare il corpo – è fondamentale per gestire la salute e prevenire le malattie.

Spiegazione dell'infiammazione

L'infiammazione è la risposta del sistema immunitario a stimoli dannosi, caratterizzata da arrossamento, calore, gonfiore, dolore e perdita di funzionalità. Questo processo è essenziale per i meccanismi di guarigione e di difesa del corpo, coinvolgendo una complessa rete di molecole di segnalazione e cellule che lavorano per eliminare la causa del danno cellulare, eliminare le cellule morte e avviare la riparazione dei tessuti. Tuttavia, quando l’infiammazione persiste oltre la risposta iniziale a lesioni o infezioni, può diventare cronica e contribuire alla progressione di varie malattie.

È emersa una comprensione più profonda del ruolo dell’infiammazione nella riparazione delle ferite, indicando effetti sia benefici che dannosi. La ricerca ha chiarito i meccanismi molecolari e cellulari che controllano l’infiammazione nella riparazione dei tessuti cutanei, sottolineando l’importanza di prendere di mira la fase infiammatoria per modulare l’esito della guarigione. Ad esempio, Eming, Krieg e Davidson (2007) hanno evidenziato il ruolo fondamentale dell'infiammazione nello stabilire l'omeostasi cutanea in seguito a una lesione, ma anche il potenziale dell'infiammazione di ritardare la guarigione e aumentare le cicatrici, sottolineando la complessità dell'impatto dell'infiammazione sulla riparazione dei tessuti ( Eming, Krieg e Davidson (2007) , Krieg e Davidson, 2007 ).

Il tuo sistema immunitario spiegato

Il sistema immunitario è un sofisticato meccanismo di difesa che protegge il corpo dalle minacce esterne, come batteri, virus e tossine, nonché dalle minacce interne, come le cellule tumorali. Comprende due componenti principali: il sistema immunitario innato, che fornisce una difesa immediata ma non specifica, e il sistema immunitario adattativo, che fornisce una risposta mirata a specifici agenti patogeni. Il sistema innato è la prima linea di difesa ed è responsabile della risposta infiammatoria iniziale. Al contrario, il sistema adattivo prevede la creazione di cellule di memoria che riconoscono e rispondono in modo più efficiente agli agenti patogeni incontrati in precedenza.

Il processo infiammatorio è parte integrante della funzione del sistema immunitario, facilitando la rimozione degli stimoli dannosi e avviando la riparazione dei tessuti. I principali attori nel processo infiammatorio includono i globuli bianchi (leucociti), come i macrofagi e i neutrofili, che inglobano e distruggono gli agenti patogeni. Le citochine, proteine ​​di segnalazione rilasciate dalle cellule, svolgono un ruolo cruciale nella mediazione e nella regolazione della risposta infiammatoria.

Nel contesto della guarigione delle ferite, l’infiammazione è il primo passo, seguito dalla formazione e dal rimodellamento dei tessuti. La regolazione dell'infiammazione da parte del sistema immunitario è complessa, con un equilibrio tra segnali pro-infiammatori e anti-infiammatori che garantisce una corretta guarigione. Un’infiammazione eccessiva o prolungata può interrompere questo equilibrio, portando a una compromissione della guarigione delle ferite e a un’infiammazione cronica, sottolineando l’importanza di comprendere e potenzialmente modulare la risposta immunitaria per promuovere la salute e prevenire le malattie.

L’intricata relazione tra infiammazione e sistema immunitario è fondamentale per la capacità del corpo di guarire e difendersi. La ricerca continua a svelare le complessità di questa relazione, con l’obiettivo di sfruttare gli aspetti benefici dell’infiammazione per la guarigione, mitigandone al tempo stesso gli effetti dannosi.

Nei prossimi capitoli esploreremo il modo in cui l’infiammazione passa da un meccanismo protettivo a un potenziale fattore patogeno in varie malattie e le implicazioni per le strategie di trattamento e prevenzione.

02. Quando una buona infiammazione peggiora

introduzione

Sebbene l’infiammazione sia una risposta protettiva e curativa dell’organismo a lesioni o infezioni, può diventare dannosa quando persiste oltre la sua fase utile. L’infiammazione cronica è al centro di molte malattie che affliggono le persone, dalle malattie cardiovascolari al cancro e oltre. Questo passaggio da uno stato benefico a uno dannoso sottolinea il ruolo complesso dell’infiammazione nella salute e nella malattia.

Problema di infiammazione

L’infiammazione cronica è un fattore silenzioso ma potente nello sviluppo di varie malattie. Agisce attraverso diversi meccanismi, tra cui l'attivazione persistente delle vie infiammatorie, la produzione di molecole infiammatorie e il reclutamento di cellule immunitarie che, invece di risolvere l'infiammazione, contribuiscono al danno e alla disfunzione dei tessuti. Questo persistente stato di infiammazione può portare a danni al DNA, promuovere la proliferazione cellulare, inibire l’apoptosi (morte cellulare programmata) e incoraggiare l’angiogenesi (formazione di nuovi vasi sanguigni), tutti fattori che possono preparare il terreno al cancro e ad altre malattie croniche.

Un esempio notevole è il legame tra infiammazione cronica e malattie cardiovascolari, metaboliche e renali. Manabe (2011) evidenzia come l’infiammazione locale cronica nel tessuto adiposo indotta dall’obesità svolga un ruolo cruciale nello sviluppo dell’insufficienza cardiaca e della malattia renale cronica, sottolineando l’interconnessione delle malattie croniche attraverso processi infiammatori (Manabe, 2011) .

Inoltre, Furman et al. (2019) discutono di come i fattori sociali, ambientali e di stile di vita possano promuovere l'infiammazione cronica sistemica (SCI), portando a malattie che collettivamente rappresentano le principali cause di disabilità e mortalità in tutto il mondo, come malattie cardiovascolari, cancro, diabete mellito, malattia renale cronica, steatosi epatica non alcolica e disturbi autoimmuni e neurodegenerativi (Furman et al., 2019) .

Grafico interattivo delle malattie

Questa tabella interattiva delle malattie illustra i percorsi attraverso i quali l’infiammazione cronica contribuisce a un’ampia gamma di malattie. Mostra come i fattori scatenanti iniziali come infezioni, lesioni o fattori legati allo stile di vita possono evolversi in uno stato infiammatorio cronico, delineando gli effetti a valle su diversi sistemi corporei ed evidenziando potenziali punti di intervento per prevenire la progressione della malattia.

Chronic Inflammation Pathways Chart

Sezione 2 Quiz

1. Veroo falso: l'infiammazione acuta porta sempre all'infiammazione cronica.

2. Quale delle seguenti malattie non è tipicamente associata all'infiammazione cronica?
UN. Diabete di tipo 2
B. Il morbo di Alzheimer
C. Appendicite acuta
D. Cancro

3. Che ruolo gioca l'obesità nell'infiammazione cronica?
UN. Non ha alcun effetto sull'infiammazione.
B. Riduce l'infiammazione cronica.
C. Induce infiammazione cronica locale nel tessuto adiposo.
D. Risolve immediatamente l'infiammazione.

4. Quale dei seguenti fattori non promuove l'infiammazione cronica sistemica (SCI)?
UN. Ferita fisica
B. Dieta povera
C. Esercizio regolare
D. Stress psicologico

Clicca qui per rivelare le risposte.

Risposte: 1. Falso, 2. c, 3. c, 4. c

Comprendere la transizione dall’infiammazione acuta benefica all’infiammazione cronica dannosa fornisce informazioni fondamentali sui meccanismi della malattia e offre potenziali strategie per la diagnosi precoce, la prevenzione e il trattamento. Affrontando le cause e i processi alla base dell’infiammazione cronica, potrebbe essere possibile mitigarne il contributo a un’ampia gamma di malattie croniche.

03. Infiammazione e risposte allergiche

introduzione

L’infiammazione allergica è una risposta immunitaria complessa innescata dall’esposizione agli allergeni. A differenza dell’infiammazione benefica che aiuta nella guarigione, l’infiammazione allergica è una reazione eccessiva del sistema immunitario a sostanze innocue come pollini, acari della polvere o determinati alimenti. Questa reazione eccessiva può portare a una serie di malattie allergiche, tra cui febbre da fieno, eczema e asma, che colpiscono una parte significativa della popolazione mondiale.

Allergie e infiammazioni

Il processo di infiammazione allergica comporta l’attivazione di varie cellule immunitarie come mastociti, eosinofili e linfociti T. Dopo l'esposizione a un allergene, gli individui con sensibilità producono anticorpi immunoglobuline E (IgE) che si legano ai recettori sui mastociti e sui basofili. Questo legame innesca il rilascio di istamina e di altri mediatori infiammatori, portando a sintomi come gonfiore, arrossamento e prurito. Il ruolo delle IgE e dei mastociti nell'avvio delle risposte allergiche sottolinea l'intricata relazione tra il sistema immunitario e gli allergeni (Barnes, 2011) .

Eczema e asma

L'eczema (dermatite atopica) e l'asma sono condizioni croniche caratterizzate da infiammazione allergica. L'eczema si manifesta con pelle pruriginosa e infiammata, mentre l'asma colpisce le vie respiratorie, causando difficoltà respiratorie. Entrambe le condizioni sono guidate da risposte immunitarie di tipo 2, che coinvolgono cellule Th2 e citochine come IL-4 e IL-13, che promuovono la produzione di IgE e l’attivazione degli eosinofili. L'interazione tra le risposte immunitarie innate e adattative, che coinvolgono cellule come mastociti, basofili e cellule linfoidi innate del gruppo 2 (ILC2), gioca un ruolo cruciale nella patologia di queste malattie (Kubo, 2017) .

Trattamento

La gestione dell’infiammazione allergica prevede principalmente l’evitamento degli allergeni noti e l’uso di farmaci per controllare i sintomi. I corticosteroidi sono efficaci nel ridurre l’infiammazione, mentre gli antistaminici possono alleviare il prurito e il gonfiore bloccando l’azione dell’istamina. Per condizioni croniche come l’asma e le allergie gravi, l’immunoterapia può essere impiegata per desensibilizzare gradualmente il sistema immunitario verso allergeni specifici.

Sezione 3 Quiz

1. Quali cellule immunitarie svolgono un ruolo chiave nella comparsa di una risposta allergica?
A) Linfociti B
B) Mastociti ed eosinofili
C) Globuli rossi
D) Piastrine

Clicca qui per rivelare la risposta.

Risposta corretta:: B) Mastociti ed eosinofili

Spiegazione:
I mastociti e gli eosinofili sono cruciali nelle fasi iniziali di una risposta allergica. Dopo l'esposizione a un allergene, queste cellule si attivano e rilasciano mediatori infiammatori come l'istamina, portando ai tipici sintomi allergici.

2. Qual è la funzione delle citochine Th2 nel contesto delle malattie allergiche come l'eczema e l'asma?
R) Diminuiscono la produzione di IgE.
B) Facilitano l'attivazione delle cellule Th1.
C) Promuovono la produzione di IgE e l'attivazione degli eosinofili.
D) Sopprimono la degranulazione dei mastociti.

Clicca qui per rivelare la risposta.

Risposta corretta:: C) Promuovono la produzione di IgE e l'attivazione degli eosinofili.

Spiegazione:
Le citochine Th2, comprese IL-4 e IL-13, sono fondamentali nel guidare le risposte immunitarie di tipo 2 caratteristiche delle condizioni allergiche promuovendo la produzione di IgE e l'attivazione degli eosinofili. Ciò esacerba l’infiammazione allergica osservata nell’eczema e nell’asma.

3. Descrivere il ruolo dell'immunoglobulina E (IgE) nell'infiammazione allergica.
R) Si lega agli antigeni per prevenire reazioni allergiche.
B) Viene prodotto come risposta a stimoli non allergici.
C) Si lega ai recettori dei mastociti e dei basofili, innescando il rilascio di mediatori dell'infiammazione.
D) Disattiva gli eosinofili e riduce l'infiammazione.

Clicca qui per rivelare la risposta.

Risposta corretta:: C) Si lega ai recettori dei mastociti e dei basofili, innescando il rilascio di mediatori dell'infiammazione.

Spiegazione:
Le IgE svolgono un ruolo centrale nelle reazioni allergiche. Gli individui con allergie producono anticorpi IgE che si legano ai recettori sui mastociti e sui basofili. Questa interazione fa sì che le cellule rilascino vari mediatori infiammatori, portando a sintomi allergici.

4. Quali sono le strategie terapeutiche efficaci per la gestione dell’infiammazione allergica?
A) Aumentare l’esposizione agli allergeni
B) Uso di corticosteroidi e antistaminici
C) Somministrazione di antibiotici
D) Evitare i farmaci antinfiammatori

Clicca qui per rivelare la risposta.

Risposta corretta:: B) Uso di corticosteroidi e antistaminici.

Spiegazione:
Gestire l’infiammazione allergica spesso implica evitare allergeni noti e impiegare farmaci per controllare i sintomi. I corticosteroidi riducono l’infiammazione, mentre gli antistaminici alleviano il prurito e il gonfiore bloccando l’azione dell’istamina. Per le allergie croniche o gravi, si può prendere in considerazione anche l’immunoterapia per desensibilizzare gradualmente il sistema immunitario verso allergeni specifici.

Comprendere i meccanismi dell’infiammazione allergica è essenziale per sviluppare terapie mirate per trattare e prevenire efficacemente le malattie allergiche. La ricerca continua a svelare le complesse interazioni tra cellule immunitarie, mediatori e fattori ambientali nelle risposte allergiche, offrendo speranza per trattamenti nuovi e migliorati.

04. Infiammazione e malattie autoimmuni

introduzione

Le malattie autoimmuni insorgono quando il sistema immunitario prende di mira erroneamente le cellule del corpo, causando infiammazioni croniche e vari problemi di salute. Queste condizioni possono colpire quasi ogni parte del corpo, comprese articolazioni, pelle, cervello e organi interni, provocando un’ampia gamma di sintomi e complicazioni.

Quando il tuo corpo combatte se stesso

La patogenesi delle malattie autoimmuni comporta una complessa interazione tra predisposizioni genetiche e fattori ambientali, che portano a una rottura della tolleranza immunologica. Centrale in questo processo è il ruolo dell’infiammazione, che non solo serve come risposta al danno tissutale ma, nel contesto delle malattie autoimmuni, contribuisce al danno tissutale. Ad esempio, una mutazione con guadagno di funzione nella fosfolipasi C gamma 2 può causare grave infiammazione spontanea e autoimmunità aumentando l'ingresso esterno di Ca2+, evidenziando la base genetica di tali malattie (Yu et al., 2023) . Allo stesso modo, le vie disregolate dei recettori Toll-like (TLR), cruciali per l’immunità innata, sono state implicate in varie malattie autoimmuni, sottolineando il ruolo delle risposte immunitarie innate nello sviluppo dell’autoimmunità (Chen, Szodoray e Zeher, 2016) .

Combattere l'infiammazione

La gestione dell’infiammazione è fondamentale nel trattamento e nella gestione delle malattie autoimmuni. Le strategie includono l’uso di farmaci antinfiammatori, immunosoppressori e farmaci biologici mirati a specifici percorsi immunitari coinvolti nel processo infiammatorio. Ad esempio, gli anticorpi monoclonali diretti contro il TNF-alfa, una citochina significativamente coinvolta nella mediazione dell'infiammazione sistemica, si sono rivelati efficaci nel trattamento di malattie come l'artrite reumatoide e il morbo di Crohn. Inoltre, comprendere l’influenza del microbioma sulle risposte immunitarie offre nuove strade per l’intervento terapeutico, poiché le alterazioni del microbiota intestinale sono state collegate a diverse condizioni autoimmuni (Wu, Zegarra-Ruiz e Diehl, 2020) .

Sezione 4 Quiz

1. Che cosa avvia l'attacco del sistema immunitario alle cellule del corpo nelle malattie autoimmuni?
A) Agenti patogeni esterni come batteri e virus
B) Una rottura della tolleranza immunologica dovuta a fattori genetici e ambientali
C) Lesioni dirette a tessuti e organi
D) Una produzione in eccesso di globuli rossi

Clicca qui per rivelare la risposta.

Risposta corretta:: B) Un crollo della tolleranza immunologica dovuto a fattori genetici e ambientali.

Spiegazione:
Le malattie autoimmuni si verificano quando si verifica un fallimento nella tolleranza immunologica, portando il sistema immunitario a prendere di mira erroneamente le cellule del corpo. Questa complessa interazione tra predisposizioni genetiche e fattori scatenanti ambientali provoca infiammazione cronica e danni ai tessuti.

2. In che modo l'infiammazione gioca un ruolo nello sviluppo e nella progressione delle malattie autoimmuni?
R) Segnala al corpo di produrre più globuli bianchi.
B) Agisce esclusivamente come risposta protettiva al danno.
C) Contribuisce al danno tissutale e aggrava la malattia.
D) Non ha alcun impatto significativo sulle malattie autoimmuni.

Clicca qui per rivelare la risposta.

Risposta corretta:: C) Contribuisce al danno tissutale e aggrava la malattia.

Spiegazione:
Nel contesto delle malattie autoimmuni, l’infiammazione non è solo una risposta al danno tissutale, ma un fattore centrale che contribuisce al danno tissutale. L’infiammazione cronica guidata dall’attività autoimmune peggiora la condizione e può portare a varie complicazioni.

3. Che ruolo giocano i fattori genetici nello sviluppo di condizioni autoimmuni?
R) Hanno un impatto minore rispetto alle scelte di vita.
B) Le predisposizioni genetiche possono influenzare significativamente il rischio di sviluppare malattie autoimmuni.
C) Solo i fattori ambientali sono responsabili delle condizioni autoimmuni.
D) I fattori genetici influenzano solo la gravità, non la probabilità, delle malattie autoimmuni.

Clicca qui per rivelare la risposta.

Risposta corretta:: B) Le predisposizioni genetiche possono influenzare in modo significativo il rischio di sviluppare malattie autoimmuni.

Spiegazione:
I fattori genetici svolgono un ruolo cruciale nelle malattie autoimmuni, predisponendo gli individui a un rischio maggiore di sviluppare queste condizioni. Sebbene anche i fattori scatenanti ambientali siano importanti, la base genetica può determinare la suscettibilità alle risposte autoimmuni.

4. Perché la gestione dell’infiammazione è importante nel trattamento delle malattie autoimmuni?
R) L’infiammazione non ha alcun ruolo nelle malattie autoimmuni e non necessita di gestione.
B) Ridurre l’infiammazione può alleviare i sintomi e prevenire ulteriori danni ai tessuti.
C) Gestire l’infiammazione aiuta solo a migliorare l’aspetto fisico dei sintomi.
D) La gestione dell'infiammazione è necessaria solo nelle fasi iniziali delle malattie autoimmuni.

Clicca qui per rivelare la risposta.

Risposta corretta:: B) Ridurre l'infiammazione può alleviare i sintomi e prevenire ulteriori danni ai tessuti.

Spiegazione:
Nelle malattie autoimmuni, la gestione dell’infiammazione è fondamentale poiché aiuta ad alleviare i sintomi e previene ulteriori danni ai tessuti causati da risposte infiammatorie croniche. La gestione efficace dell’infiammazione è un aspetto chiave delle strategie di trattamento, migliorando la qualità della vita delle persone colpite.

L’intricata relazione tra infiammazione e autoimmunità evidenzia l’importanza di comprendere la regolazione immunitaria e i fattori che portano alla disregolazione del sistema immunitario. I progressi nella ricerca genetica e di biologia molecolare continuano a svelare le complessità delle malattie autoimmuni, promettendo trattamenti più mirati ed efficaci per la gestione dell’infiammazione e dell’autoimmunità. (Yu et al., 2005) , (Chen, Szodoray e Zeher, 2016) , (Wu, Zegarra-Ruiz e Diehl, 2020) .

05. Effetti dell'infiammazione sul corpo

introduzione

L’infiammazione cronica è sempre più riconosciuta come un fattore critico nello sviluppo di un’ampia gamma di malattie. Mentre l’infiammazione acuta è una parte vitale del meccanismo di difesa del corpo, l’infiammazione cronica può portare a effetti dannosi su vari sistemi di organi, contribuendo alla patogenesi di numerose malattie metaboliche e legate all’età, nonché del cancro.

Il cuore

L’infiammazione cronica gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo delle malattie cardiovascolari. Contribuisce alla formazione delle placche aterosclerotiche, che possono portare ad infarti e ictus. Le citochine e le cellule infiammatorie sono coinvolte in tutti gli stadi dell'aterosclerosi, dalla lesione endoteliale iniziale alla rottura finale della placca. La presenza di infiammazione cronica sistemica (SCI) è anche un predittore di scarsi risultati nei pazienti con malattie cardiovascolari, evidenziando la necessità di strategie per gestire l’infiammazione al fine di ridurre il rischio cardiovascolare (Furman et al., 2019) .

Il cervello

L’infiammazione è anche implicata in diverse malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson. L’infiammazione cronica può esacerbare la neurodegenerazione attraverso l’attivazione delle microglia, le cellule immunitarie residenti nel cervello, portando al rilascio di citochine proinfiammatorie e sostanze neurotossiche. Questo processo infiammatorio contribuisce alla progressione della neurodegenerazione e alle manifestazioni cliniche di queste malattie.

Malattie metaboliche

L’infiammazione cronica è un fattore chiave della resistenza all’insulina e del diabete di tipo 2. L’infiammazione del tessuto adiposo, in particolare, svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo della sindrome metabolica. Le citochine infiammatorie interferiscono con la segnalazione dell’insulina, portando a un ridotto assorbimento del glucosio e ad un aumento del rischio di diabete. Gestire l’infiammazione attraverso interventi sullo stile di vita, come dieta ed esercizio fisico, può migliorare la sensibilità all’insulina e aiutare a controllare le malattie metaboliche.

Cancro

L’infiammazione contribuisce all’inizio, alla progressione e alla metastasi del cancro. Le cellule infiammatorie e le citochine nel microambiente tumorale promuovono la crescita del tumore, l’angiogenesi e la soppressione della risposta immunitaria contro il tumore. L’infiammazione cronica può anche portare a danni al DNA, contribuendo alla mutagenesi che avvia lo sviluppo del cancro. Si stanno esplorando strategie mirate ai percorsi infiammatori come potenziali terapie per la prevenzione e il trattamento del cancro.

Sezione 5 Quiz

1. In che modo l'infiammazione cronica contribuisce allo sviluppo di malattie cardiovascolari?
A) Diminuendo i livelli di colesterolo
B) Promuovendo la formazione di placche aterosclerotiche
C) Migliorando la funzione endoteliale
D) Riducendo la pressione sanguigna

Clicca qui per rivelare la risposta.

Risposta corretta:: B) Promuovendo la formazione di placche aterosclerotiche

Spiegazione:
L’infiammazione cronica è un fattore chiave nello sviluppo delle malattie cardiovascolari, principalmente per il suo ruolo nel promuovere la formazione di placche aterosclerotiche. Queste placche possono portare ad attacchi cardiaci e ictus restringendo e indurendo le arterie.

2. In che modo l'infiammazione è coinvolta nelle malattie neurodegenerative come l'Alzheimer?
A) Proteggendo i neuroni dai danni
B) Promuovendo la neurogenesi
C) Attivando la microglia e rilasciando citochine proinfiammatorie
D) Migliorando la funzione sinaptica

Clicca qui per rivelare la risposta.

Risposta corretta:: C) Attivando la microglia e rilasciando citochine proinfiammatorie

Spiegazione:
L'infiammazione svolge un ruolo significativo nelle malattie neurodegenerative come l'Alzheimer attivando la microglia, le cellule immunitarie residenti nel cervello. Ciò porta al rilascio di citochine proinfiammatorie e sostanze neurotossiche, esacerbando la neurodegenerazione e contribuendo alla progressione della malattia.

3. Descrivere il ruolo dell'infiammazione nella sindrome metabolica e nel diabete di tipo 2.
R) Migliora la sensibilità all'insulina
B) Promuove la resistenza all'insulina
C) Aumenta l'assorbimento del glucosio nei tessuti
D) Diminuisce il grasso corporeo

Clicca qui per rivelare la risposta.

Risposta corretta:: B) Promuove la resistenza all'insulina.

Spiegazione:
L’infiammazione cronica è un fattore critico della resistenza all’insulina, un segno distintivo della sindrome metabolica e del diabete di tipo 2. Le citochine infiammatorie, in particolare quelle provenienti dal tessuto adiposo, interferiscono con la segnalazione dell’insulina, portando ad un ridotto assorbimento del glucosio e ad un aumento del rischio di sviluppare queste malattie metaboliche.

4. Spiegare la relazione tra infiammazione cronica e cancro.
A) L’infiammazione diminuisce la crescita del tumore e le metastasi
B) Le cellule infiammatorie e le citochine nel microambiente tumorale inibiscono lo sviluppo del cancro
C) L’infiammazione cronica può portare a danni al DNA e promuovere la crescita del tumore, l’angiogenesi e la soppressione immunitaria
D) L'infiammazione migliora la capacità del sistema immunitario di colpire e distruggere le cellule tumorali

Clicca qui per rivelare la risposta.

Risposta corretta:: C) L'infiammazione cronica può portare a danni al DNA e promuovere la crescita del tumore, l'angiogenesi e la soppressione immunitaria.

Spiegazione:
L’infiammazione cronica contribuisce all’inizio, alla progressione e alla metastasi del cancro. Le cellule infiammatorie e le citochine all’interno del microambiente tumorale supportano la crescita e la sopravvivenza del tumore, promuovono lo sviluppo di nuovi vasi sanguigni (angiogenesi) e sopprimono la risposta immunitaria contro il tumore, facilitando così la progressione del cancro.

L’infiammazione cronica è un filo conduttore che collega una moltitudine di malattie, evidenziando l’importanza di gestire l’infiammazione per migliorare i risultati di salute. Comprendere i meccanismi attraverso i quali l’infiammazione contribuisce alla malattia può contribuire allo sviluppo di terapie mirate per mitigarne gli effetti dannosi. (Furman et al., 2019)


Messaggio più vecchio Messaggio più recente


0 commenti


lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Aggiunto al carrello!
Spendi $ x per sbloccare la spedizione gratuita Spedizione gratuita per ordini superiori a XX Ti sei qualificato per la spedizione gratuita Spendi $ x per sbloccare la spedizione gratuita Hai ottenuto la spedizione gratuita Spedizione gratuita per ordini superiori a $x in Spedizione gratuita oltre $ x a You Have Achieved Free Shipping Spedizione gratuita per ordini superiori a XX Ti sei qualificato per la spedizione gratuita